Support Us

Your contribution will enable more people to experience spiritually enriching arts.



3 festival cultura dello spirito

Quando l'arte arriva dritta al cuore

Ecco il Festival “Cultura dello Spirito”

Musica, teatro, danza, poesia, pittura, scultura, yoga e benessere

Il 30 e 31 luglio la terza kermesse internazionale ad Albera Ligure (Alessandria)
con interpreti provenienti da tre continenti: Europa, Asia e Africa

 

Più di cinquanta musicisti, tre continenti, spettacoli di teatro e danza, mostre di pittura e scultura, tecniche di meditazione, poesia e conferenze medico-scientifiche. L'Occidente che incontra l'Oriente in un'ideale fusione di armonia universale e ricerca individuale. Sono gli ingredienti del Festival della Cultura dello Spirito, la kermesse internazionale, giunta alla terza edizione, che andrà in scena il 30 e 31 luglio 2011 nella splendida cornice della Val Borbera (Albera Ligure, Alessandria), un'oasi verde nel triangolo Torino-Milano-Genova.

Nella due giorni si esibiranno artisti provenienti da Europa, Asia e Africa. Si potranno apprezzare, tra l'altro, la musica classica indiana sposata ai ritmi del flamenco e al folklore melodico ucraino, le sonorità tradizionali africane condite da armonie francesi e italiane, le profondità di gospel, rythm and blues e soul dedicati alla “Madre Terra”, la forza dirompente delle world percussions.

In programma anche conferenze medico-scientifiche, tra cui “Prenditi cura di te”, curata dal chirurgo, oncologo e omotossicologo Ivano Hammarberg Ferri, che illustrerà il sistema psico-energetico degli esseri umani attraverso gli occhi della medicina classica, fisica e quantica, e “Michelangelo uno spirito illuminato: i messaggi segreti tra arte e scienza”, tenuta dalla dottoressa Maura Gandini. Previsti inoltre percorsi di poesia, musica e danza come strumenti per elevare lo Spirito, esposizioni di pittura, scultura e artigianato, laboratori interattivi sulle tecniche di meditazione yoga. Il tutto reso ancora più appetibile dalla possibilità di degustare deliziosi menù multietnici “alcool free”.



Back